Copyright

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito, sono di proprietà esclusiva delle autrici del blog Il Giardino degli Aromi e sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/941 3 successive modifiche.
Non autorizziamo la pubblicazione di fotografie, testi, ricette, in alcun spazio della rete, che siano forum o altro senza preventiva richiesta.
Copyright © all rights reserved

lunedì 13 gennaio 2014

Ciabatta


Visto che si va con gli impasti, ne posto un altro. Questo l'ho preso direttamente da Vivalafocaccia, di Vittorio, blog dal quale attingo a piene mani quando si tratta di pane, focacce e simili. E' una garanzia, non devi cambiare nulla. Si, insomma, quasi, qualche piccola modifica è concessa, noi siamo fatte così!

500  g  farina 0
380  g  acqua tiepida
    9  g  sale
    2  g  lievito secco
    2      cucchiai d'olio extra vergine
            un po' di olive verdi a pezzi

Gli ultimi due ingredienti li ho aggiunti io perché secondo me ci stanno………
Mischiare farina e acqua, unire il lievito e mescolare ancora, poi l'olio e il sale, mescolare, alla fine le olive. Io mescolo solo finché tutto è amalgamato, non molto. E' un impasto appiccicoso, difficile da domare. Coprire e lievitare 18 ore in luogo fresco, d'estate in frigo. Spruzzare un po' d'acqua sul tavolo, farvi aderire la pellicola trasparente, cospargere di farina e versarvi l'impasto prima piegato su stesso con una spatola. Schiacciare con le dita unte senza rompere le bolle dando forma, poi rovesciare sulla banda del forno dove si sono messi olio e farina di mais (io carta forno). Inserire ancora qualche oliva sulla superficie e far lievitare ancora 2 ore a temperatura ambiente.
Infornare a 220° per 35/40'. Ottima!

Alda


4 commenti:

  1. Risposte
    1. E pensa che è più buona che bella!!! Grazie Ale per aver evidenziato il link!!!!!!!

      Elimina
  2. mmmmm mi pare proprio "bona" come si dice dalle mie parti

    RispondiElimina

I commenti anonimi non firmati non saranno pubblicati.
Questo blog è gestito da 4 persone, Ale, Fraa, Sere e Alda.
Potreste rendervene conto se leggeste le ricette con tanto di firma della blogger sulla fotografia o nel tag.
Se lasciate commenti a random, per favore, passate pure ad altro blog.
Grazie.