Copyright

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito, sono di proprietà esclusiva delle autrici del blog Il Giardino degli Aromi e sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/941 3 successive modifiche.
Non autorizziamo la pubblicazione di fotografie, testi, ricette, in alcun spazio della rete, che siano forum o altro senza preventiva richiesta.
Copyright © all rights reserved

mercoledì 21 novembre 2018

Zuppa di rape del Miguel



Nome strano, per una zuppa........ ora vi spiego. Ho un carissimo amico, cuoco, che si chiama Michele, ma, confidenzialmente, lo chiamo Miguel, e ho voluto dare il suo nome a questo post, perché la ricetta l'ha inventata lui, condividendola poi con me. Quando l'ho mangiata a casa sua mi ha subito estasiato e gli ho chiesto sia la ricetta che la possibilità di pubblicarla, ottenuto il permesso eccomi qui. Nei mesi invernali non si può chiedere di meglio ad una zuppa: calda, avvolgente, saporita!

2 porri tagliati a metà per il lungo e poi affettati sottilmente, 2 rape bianche (quelle tonde), a cubetti.

Rosolare con del burro, dopo 5' unirvi un paio di cucchiai di farina, stemperarla e farla tostare.

Unire del brodo vegetale e cuocere finché rape e porri sono teneri, togliere qualche cucchiaio di pezzetti di verdure e frullare il resto, rimetterli poi nella pentola.

Servire con grana grattugiato, crostini di pane ai cereali o briciole di pane tostate e pezzettini di speck rosolati senza grassi finché sono croccanti.

Provare per credere! Buon appetito
Alda

sabato 27 ottobre 2018



Canestrelli di Torriglia
Torriglia è un paesino che si trova in Liguria, è un comune di Genova, conosciuto proprio per i suoi canestrelli.
Ingredienti
500gr di farina
300 gr di burro
150 Gr di zucchero
3 uova (io ne ho messe intere più un rosso perché erano piccole)
10 gr di limoncello o la buccia grattugiata di mezzo limone bio
Mettere nel boccale tutti gli ingredienti e azionate per 3 min. vel. Spiga. Versare l'impasto sulla spianatoia, con il mattarello fare una base di circa 1 cm di altezza. Con l'apposita formino fare i biscotti. Infornare per 25 minuti a 170°
Fraa

martedì 18 settembre 2018

Bordi di focaccia

Il bordo della focaccia di solito è il pezzo più conteso nella mia famiglia, grazie a Vittorio di viva la focaccia, ho risolto il problema😅
Ingredienti
340g Farina
210g Acqua
21g Olio extra vergine di oliva
3g Malto o Zucchero
6g Lievito di Birra secco
8g Sale
Versate nel boccale l'acqua con il lievito e il Malto, o lo zucchero. 1 minuto 37°vel 2. Aggiungere la farina, l'olio e il sale e impastare per 2.30 vel spiga. Mettere a lievitare in un contenitore fino al raddoppio. Stendere con le mani l'impasto dando la forma di  un rettangolo. Tagliare a strisce e mettere nella teglia per la seconda lievitazione ungendo la superficie per non far asciugare la pasta, per circa 40 minuti. Fare i buchi come per la focaccia e spennellare di nuovo con olio, se si vuole si può mettere anche un po' di acqua e salare. Infornare per una ventina di minuti a 200°.
Qua a Genova poi le pucciamo nel cappuccino... Provate e non ne potrete più fare a meno 😊

domenica 29 aprile 2018

Rotolo di zucchine



Eccomi, mi sono cimentata in una cosa che mi sembrava veramente difficile, tantè che io non faccio nemmeno la girella col pan di Spagna........ ognuno ha i propri limiti! Ora ho acquistato un tappetino in silicone e ho provato a fare questo, visto il risultato il prossimo sarà quello dolce.
Questo è semplicissimo, si fa in 10', e, secondo me, sta bene anche con altre verdure, ad esempio: piselli, funghi, sedano rapa......... l'importante è che siano affettati a bastoncini (a parte i piselli, s'intende).

Per questo rotolo ho affettato a julienne 4 zucchine medio-piccole, le ho un po' salate e le ho messe in una ciotola. In un'altra ciotola ho messo 4 uova, le ho salate e pepate e le ho sbattute con la frusta, poi ho incorporato un paio di cucchiai di grana padano grattugiato. Ho versato le uova sulle zucchine e mescolato bene. Steso sul tappetino, che ha più o meno le dimensione della banda del forno, e livellato. 180° per 20', tolto dal forno, farcito con prosciutto cotto, scamorza e mozzarella (e anche qui ci si può sbizzarrire), arrotolato e reinfornato per 10' a 190°.

A noi è piaciuta molto, fatemi sapere. Buon appetito. Alda

domenica 11 febbraio 2018

Crema di zucca Bimby (e anche no)



Questa è una crema che faccio da decenni, logicamente il buon risultato è dato dal sapore della zucca, come per tutti i piatti a base di questo prodotto. Ma quando trovo una buona zucca ne approfitto e faccio sia la crema che i tortelli mantovani........ in modo un po' alternativo, ma quelli li posto la prossima volta!
Ora posto la ricetta tradizionale e poi quella che ho modificato per il bimby.

1   kg  zucca gialla
60 g    burro
1         cipolla tritata
1   lt    brodo di pollo
2   dl   panna
           sale, pepe
Mettere in un tegame la cipolla e il burro e appassire senza rosolare, unire la zucca a pezzi e cuocere ancora un po', mescolando, prima di aggiungere il brodo. Cuocere finché la zucca è tenera e si spappola con la forchetta, poi frullare con il frullatore ad immersione. Aggiustare di sale e pepe e unire la panna mescolando bene.

Per il bimby ho modificato un po' gli ingredienti, ad esempio togliendo la panna:

900  g  zucca gialla a pezzetti
700  g  brodo di pollo
50    g  burro
20    g  olio extra vergine
1          cipolla
            sale e pepe
Mettere nel boccale la cipolla, 5" vel. 6, spatolare, unire olio e burro e cuocere 4' 100° vel. 1-2, spatolare e ripetere l'operazione, ugual tempo, ugual temperatura e velocità.
Unire la zucca a pezzi, 4' 90° vel. 1, spatolare
Vel. 7-8 per 5", spatolare.
Versare il brodo caldo, 25' 90° vel. 2, dopo 10' (quando ne mancano 15), portare a 100° stando attenti che non esca, altrimenti abbassare di nuovo a 90°.
10" vel. 5-6
Aggiustare di sale e pepe, ma se la zucca è buona va bene già così.

Quando facevo la ricetta tradizionale, calcolate che ne facevo per un esercito, mettevo nella pentola una garza con del rosmarino dentro, che toglievo prima di frullare, con il bimby non ho mai provato, ma dava un buon sapore...

Servite con grana grattugiato e crostini

Buon appetito
Alda

martedì 30 gennaio 2018

Dadini Aldesi Bimby



Come promesso eccomi di nuovo qui a tempo di record. Questi dadini di cioccolato, sono stati ribattezzati dadini aldesi da una mia ex amica, vi ricordate Ale, Fraa, Sere? Solo che, da allora, ho modificato molto le mie abitudini alimentari e ho modificato anche loro, del resto nulla è eterno! Ora sono senza glutine e sto lavorando per sostituire anche il burro, ma vi aggiorno quando riesco! Io li mangio a colazione, ma anche a merenda, dopo cena, quando apro la dispensa......... sono il dolce che adoro di più in assoluto, le spezie li rendono molto natalizi, ma a me piacciono e le metto anche in estate! Quando proprio li devo presentare a degli ospiti li cucino in stampini con sotto le ostie e li ricopro con cioccolato fondente, ma, credetemi, sono buonissimi anche così.

200  g  nocciole tostate
200  g  cioccolato fondente al 72%
200  g  burro morbido
120  g  zucchero di canna
80    g  farina di grano saraceno
1/2       bustina lievito
5          uova
2          cucchiai di spezie miste (cardamomo, zenzero, chiodi di garofano, cannella......)

Nel boccale le nocciole 5" vel 8, unire il cioccolato a pezzi, 5" vel 8, spatolare.
Unire farina, lievito, zucchero, spezie, 10" vel 3, tutto il resto 20" vel 3, spatolare.

In una banda da forno 30x30 mettere la cartaforno e versarvi l'impasto.

Infornare a 170° per una mezz'ora, ma sapete bene che dipende dal forno e, comunque, vale sempre la prova stecchino. Togliete quando è pronto e lasciate raffreddare, poi, con un coltello, tagliate tutte striscie e poi a quadretti. Si conservano bene nelle biscottiere, ma vi garantisco che li finirete in fretta.

Buon appetito. Alda