Copyright

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito, sono di proprietà esclusiva delle autrici del blog Il Giardino degli Aromi e sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/941 3 successive modifiche.
Non autorizziamo la pubblicazione di fotografie, testi, ricette, in alcun spazio della rete, che siano forum o altro senza preventiva richiesta.
Copyright © all rights reserved

giovedì 4 novembre 2010

Pizza napoletana


Direttamente dalla trasmissione "piacere pizza", il maestro pizzaiolo Antonino Esposito conduce una rubrica dalla sua pizzeria sulla vera pizza napoletana!
pochi, ma ottimi, ingredienti, non troppo lavoro, ma riposo e pazienza e diversi consigli per ottenere una buona
pizza anche in casa, col cornicione! ingredienti
1 litro di acqua
un po' di criscito, o lievito madre (aiuta a rendere più digeribile l'impasto)
4-5 g di lievito di birra fresco
50 g di sale
1700g di farina 00 circa
possibilmente forno a legna
procedimento
versare l'acqua in una ciotola capiente o in una planetaria.
sciogliervi il criscito-o nel mio caso pasta di riporto (anche se non è lo stesso)- e iniziare ad aggiungere farina poco per volta.
quando si inzia ad ottenere una pastella densa aggiungere il sale, poi unire lavorando il resto della farina, lavorando per ottenere un impasto morbido, ma strutturato.
finire di lavorare sulla spianatoia, unendo se serve dell'altra farina- a me stavolta ne è avanzata circa 50g.

-lavorare una decina di minuti in totale, poi formare la classica palla,in questa fase sarà a buccia d'arancia, coprirla con un telo umido e lasciarla riposare per 20-30 minuti.

-rilavorare per qualche minuto l'impasto, riformare la palla, ora liscia, e lasciar riposare di nuovo per altri 20-30 minuti.

-a questo punto spezzare l'impasto in pezzature da circa 180 g nel caso di un forno casalingo o del fornetto ferrari;io li faccio di circa 250g perchè le cuocio nel forno a legna.

-chiudere ogni pezzatura a palla e metterle a riposare in un contenitore per minimo 6 ore-io lascio riposare circa 18 ore.

prendere ogni palla di impasto e stenderla con le mani cercando di allungare l'impasto senza toccare il cornicione, che resterà più spesso e crescerà in cottura.

il maestro suggerisce per le prime volte di aiutarsi con una ciotola di alluminio rovesciata per stendere l'impasto, accarezzandolo dall'interno verso l'esterno sempre stando attenti al cornicione.
nel caso della cottura nel forno casalingo sarebbe meglio usare una pietra refrattaria.
condire ogni disco di pasta poi infornarlo.

-sere-

15 commenti:

  1. Questo è un CAPOLAVORO Sere !!!!! Mi prenoto x una pizzata a casa tua ihihihihihih

    RispondiElimina
  2. Secondo me la pizza napoletana è LA pizza. A me quelle secche, che si sfracellano, proprio non piacciono!

    RispondiElimina
  3. io purtroppo non ho mai mangiato la pizza a Napoli ma voglio proprio rimediare!
    sto "prendendo" lezioni dalla trasmissione "Piacere pizza" sul canale Alice, e devo dire che sto davvero sfornando delle ottime pizze, il cornicione viene anche meglio di così se sto attenta a non far arrivare il condimento troppo in là ;-)
    se la provi fammi sapere come trovi questa, ciao!

    RispondiElimina
  4. gnammmmmmmmmmmmmm!

    Sere...lo sai che in fila mi ci metto pure io, verooooooooooo? :-)))
    mammamia che bontàààà!

    RispondiElimina
  5. sì sì Mela, vieni pure :-D

    RispondiElimina
  6. mamma mia a quest'ora questa foto è da svenimento!!!!

    RispondiElimina
  7. ora di merenda...è infame ahah

    RispondiElimina
  8. aaaahhhh..io la mangerei anche a colazione!é grave?che delizia!

    RispondiElimina
  9. macchè, è normale marti!!!!!! =D

    RispondiElimina
  10. anche io a colazioneeeeeeeeeeee!!!!!!!! gnam gnam gnam ihihihihiih

    RispondiElimina
  11. a tutte le ore, pizza for ever!!

    RispondiElimina
  12. Che spettacolo, a me piacerebbe un sacco il fornoa legna!!!

    RispondiElimina
  13. eh paola, hai ragione, è tutta un'altra cosa....
    sta settimana niente pizza :-(

    RispondiElimina

I commenti anonimi non firmati non saranno pubblicati.
Questo blog è gestito da 4 persone, Ale, Fraa, Sere e Alda.
Potreste rendervene conto se leggeste le ricette con tanto di firma della blogger sulla fotografia o nel tag.
Se lasciate commenti a random, per favore, passate pure ad altro blog.
Grazie.